Primavera 2021, come consuetudine è cominciata il 21 di marzo e verosimilmente l’estate inizierà come regolata dalle leggi della natura. Sembra tutto così scontato, ma la mia memoria va indietro nel tempo e ricorda la primavera del 2005, c’erano 28 gradi, gli alberi in fiore e i maglioni già riposti negli armadi. L’avvicendamento degli anni a seguire si succedettero con la stessa metodica, freddo e poi improvvisamente caldo.
Una manna per i conduttori dei giardini, una disgrazia per i giardinieri.

Fatto il primo taglio dell’erba, dopo la pausa invernale, l’erba smetteva di crescere con la stessa intensità primaverile in quanto strozzata dall’improvvisa calura e noi tutti ci siamo goduto i nostri parchi per periodi piuttosto estesi prima del taglio successivo.

Arriva la primavera 2021 e finalmente possiamo riapprezzare una stagione dimenticata: temperature miti, pioggia, qualche giorno frizzante e una esplosione di colori accompagnata dalla rinascita profumata delle piante aromatiche e officinali.

Sembra tutto perfetto, senonché la natura si riappropria della vegetazione e la fa lievitare più velocemente ponendo a stress le organizzazioni che da anni hanno pianificato le risorse disponibili per provvedere agli sfalci d’erba con cadenza trimestrale.

Quest’anno però, grazie alla meravigliosa primavera che stiamo attraversando, il taglio dell’erba sarà anticipata di circa 20 giorni dalle tradizionali date, ma comunque in ritardo con l’incedere della stagione.

Quale insegnamento traiamo da questa vicenda?

Per garantirci una cura più puntuale del nostro parco abbiamo bisogno di aggregare un numero superiore di Soci o donatori alla Nostra Causa.

Non è difficile. Ognuno di noi convinca un amico a sostenerci ed il gioco è fatto.

Per tutti coloro che riusciranno nell’intento, verrà fatto omaggio di un coupon con lo sconto del 20% per festeggiare insieme all’amico la sua adesione, presso il ristorante BIG in Via Amsterdam, 72 o il 10% presso Affetto Bistro per pranzo o aperitivo.

Ringraziamo di cuore Damiano Anna e Clarissa rispettivamente titolari di BIG, Bar Iaopucci e Affetto Bistro per aver voluto partecipare, con la propria specificità, allo sviluppo del progetto di crescita dell’Associazione offrendo il loro più che apprezzato contributo alla comunità.